L'usucapione decennale

L'usucapione decennale

Con una recente ordinanza, la n. 16152/2019, la Corte di Cassazione affronta l'argomento dell'acquisto della proprietà di immobile per effetto di usucapione decennale, di cui vengono precisati gli elementi fondamentali.

USUCAPIONE VENTENNALE

Ricordiamo che l'usucapione degli immobili si compie con il possesso continuato ed ininterrotto del bene per almeno un ventennio, come dispone l'art. 1158 del codice civile; la caratteristiche del possesso devono essere tali da dimostrare che il possessore si comporti come se fosse il proprietario del bene, dunque non come un semplice detentore.

Il possesso, inoltre, non deve essere interrotto, nel corso del suddetto periodo, da atti del proprietario che ne rivendichi la proprietà o da atti di terzi che pongano in discussione il possesso medesimo.

USUCAPIONE DECENNALE

Un particolare tipo di usucapione è quella decennale, disciplinata all'art. 1159 c.c., in base al quale chi acquista in buona fede un immobile da terzi, in base ad un titolo idoneo, ne acquista la proprietà con il possesso continuato ed ininterrotto per 10 anni, pur avendo acquistato da chi non era legittimato a trasferirne la proprietà (acquisto “ a non domino”).

CARATTERISTICHE

La Cassazione, nella citata ordinanza, precisa che l'usucapione decennale della proprietà di un immobile, presuppone l'acquisto in buona fede di un immobile “a non domino” e postula l'identità tra zona alienata e zona posseduta, nonché la trascrizione del titolo, il quale deve specificamente riguardare l'immobile che si è inteso con esso trasferire e del quale si sostiene l'acquisto per decorso del decennio.

IMPORTANZA DEL TITOLO

A tale scopo il "titolo" stesso è elemento autonomo ed essenziale della fattispecie di cui all'art. 1159 cod. civ., nel senso che esso, oggetto di trascrizione, deve indicare con esattezza l'immobile e il diritto immobiliare trasmesso, poiché la perfetta ed assoluta identità fra l'immobile posseduto e quello acquistato in buona fede a non domino va accertata in base ad una distinta valutazione del titolo di acquisto e del possesso, rimanendo preclusa la possibilità di integrare le risultanze dell'uno con quelle dell'altro.

RILEVANZA DELLA NOTA DI TRASCRIZIONE

Inoltre, attraverso la nota di trascrizione, che deve menzionare specificamente il diritto, e la perfetta corrispondenza tra l'oggetto del titolo e quello del possesso i terzi interessati sono posti in grado di conoscere in maniera sicura e autentica l'acquisto per usucapione dell'immobile da parte del possessore.

pubblicato il 26/08/2019

A cura di: Daniela D'Agostino

Parole chiave
usucapione, proprietà, immobili
Come valuti questa notizia?
L'usucapione decennaleValutazione: 5/5
(basata su 1 voti)
ARTICOLI CORRELATI