Aste telematiche: come si svolgono

Aste telematiche: come si svolgono

Dal mese di aprile 2018, data di attuazione del D.M. n. 32/2015, le vendita all’asta dei beni immobili oggetto di pignoramento si svolgono prevalentemente con modalità telematiche, sia per quanto riguarda gli adempimenti del Giudice che per quanto riguarda lo svolgimento dell’asta e la presentazione delle offerte.

ORDINANZA DI VENDITA

L’art. 569 c.p.c., infatti, al quarto comma da ultimo novellato, prevede che il Giudice dell’esecuzione, con l’ordinanza nella quale dispone la vendita dell’immobile pignorato, stabilisce, salvo che sia pregiudizievole per gli interessi dei creditori o per il sollecito svolgimento della procedura, che il versamento della cauzione, la presentazione delle offerte, lo svolgimento della gara tra gli offerenti e, nei casi previsti, l'incanto, nonché il pagamento del prezzo, siano effettuati con modalità telematiche, nel rispetto della normativa regolamentare di cui all'articolo 161-ter delle disposizioni per l'attuazione del codice di procedura civile.

Ciò significa che la scelta della modalità telematica per la vendita all’asta degli immobili è rimessa alla valutazione del Giudice, il quale può decidere di ricorrere alla vendita nelle forme tradizionali (si vedano gli altri articoli in proposito pubblicati su questo sito), se ciò viene ritenuto più opportuno nell’interesse dei creditori e della procedura in generale.

TIPI DI VENDITA TELEMATICA

La legge prevede tre tipologie di vendita telematica:

1) «vendita sincrona telematica», in cui i rilanci delle offerte vengono formulati esclusivamente in via telematica, nella medesima unità' di tempo e con la simultanea connessione del Giudice o del referente della procedura e di tutti gli offerenti;

2) «vendita asincrona», in cui i rilanci vengono formulati, esclusivamente in via telematica, in un lasso temporale predeterminato e senza la simultanea connessione del Giudice o del referente della procedura;

3) «vendita sincrona mista», in cui i rilanci possono essere formulati, nella medesima unità di tempo, sia in via telematica sia comparendo innanzi al giudice o al referente della procedura, alla data e nel luogo fissato per l’asta.

Solo in caso di vendita sincrona telematica o asincrona l’offerta d’acquisto dovrà essere obbligatoriamente redatta in via telematica, mentre in caso di vendita sincrona mista l’offerta sarà ammissibile tanto in via telematica quanto in forma cartacea, secondo quanto stabilito nell’ordinanza di vendita.

PRESENTAZIONE DELLE OFFERTE

Coloro che hanno formulato l'offerta o la domanda con modalità telematiche partecipano alle operazioni di vendita con le medesime modalità, mentre coloro che hanno formulato l'offerta o la domanda su supporto analogico partecipano comparendo innanzi al giudice o al referente della procedura.

Per partecipare ad una vendita in modalità telematica è necessario presentare l’offerta  accedendo al Portale delle Vendite pubbliche, sul sito del Ministero della Giustizia, tramite PEC-ID (pec identificativa) o semplice PEC; in quest’ultimo caso l’offerta e tutti i documenti da allegare devono essere firmati digitalmente.

La persona fisica che compila l’offerta nel sistema è definita “presentatore” e può coincidere o meno con l’offerente.

Prima di presentare l’offerta occorre aver provveduto al versamento della cauzione, come indicata nell’ordinanza di vendita, in modo da poterne indicare gli estremi nell’offerta telematica.

L’offerta si intende depositata correttamente con la ricevuta di avvenuta consegna da parte del gestore della PEC del Ministero della Giustizia.

SVOLGIMENTO DELL’ASTA

L'offerta per la vendita telematica ritualmente depositata viene automaticamente decifrata non prima di centottanta e non oltre centoventi minuti antecedenti l'orario fissato per l'inizio delle operazioni di vendita e quindi trasmessa al gestore incaricato della vendita il quale, almeno trenta minuti prima dell'inizio delle operazioni di vendita, invia all'indirizzo di posta elettronica certificata indicato nell'offerta un invito a connettersi al proprio portale.

Un ulteriore invito a connettersi per partecipare alle operazioni di vendita viene trasmesso dal gestore, a mezzo SMS, al recapito di telefonia mobile fornito nell’offerta (D.M. 26/02/2015 n.32, art.16); il presentatore dell’offerta, a  questo punto, deve autenticarsi sul Portale del Gestore delle Vendite Telematiche con le credenziali ricevute e partecipare alle operazioni di vendita telematica.

pubblicato il 08/05/2019

A cura di: Daniela D'Agostino

Come valuti questa notizia?
Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)